Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è online?
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Il Kenya come nazione

Andare in basso

Il Kenya come nazione

Messaggio Da fio il Ven Set 04, 2009 9:22 am

Il Kenya come nazione
Di:Binyavanga Wainaina

Vogliamo diventare una vera nazione? È arrivato il momento di prendere una decisione.
Il mio paese è in preda all'incertezza. Abbiamo votato il 27 dicembre 2007. La partecipazione era stata più alta che mai. Negli ultimi anni, anche i più disillusi – i poveri e quelli che vivono lontano dalle grandi città – sono andati a votare.
Tutto il Kenya aveva la sensazione che stesse per succedere qualcosa di nuovo. Che le vecchie forme di potere stessero per crollare, che il nostro voto contasse davvero. Ma come in Sudafrica negli anni novanta, tutte queste speranze sono rimaste imprigionate all'interno di una struttura politica vecchia e inadeguata. Lo abbiamo sempre saputo, quando abbiamo cominciato a chiedere una vera democrazia multipartitica.
Nel 2002 abbiamo scelto di votare per una coalizione di partiti che potesse guidare il cambiamento. Volevamo una nuova costituzione, un'economia meno centralizzata, un governo più affidabile. Queste speranze si sono infrante quando la coalizione è crollata. Raila Odinga si è messo a capo di una fazione e il presidente Mwai Kibaki è diventato il leader dell'altra.
Le tensioni sono cominciate perché c'era la sensazione – tra la maggior parte di quelli che non erano kikuyu – che Mwai Kibaki avesse preso in ostaggio il paese e non avesse mantenuto le promesse in cui i keniani avevano riposto tutte le loro speranze.
Le cose non gli sono sfuggite subito di mano, perché i suoi tecnocrati hanno messo in piedi un governo efficiente e l'economia era in crescita. Ma nel giro di poco tempo Kibaki si è circondato di persone che rappresentavano gruppi di potere favorevoli a una linea dura.
E per combattere la corruzione sono stati presi solo provvedimenti superficiali. Ha indetto un referendum, piuttosto insignificante, sulla riforma della costituzione, e la maggior parte del paese ha votato no. Improvvisamente si è reso conto di aver perso il sostegno della popolazione e che i kikuyu erano rimasti isolati.
Odinga e il Movimento democratico arancione (Odm) hanno cercato di raccogliere il consenso perso dal governo presentandosi come il partito del popolo. Ma anche Odinga, come Kibaki, fa parte di una delle dinastie nigeriane che governano il paese dagli anni sessanta. Sei giorni dopo le elezioni, Kibaki si è chiuso nel palazzo del governo con i suoi amici, troppo spaventato per dire qualcosa.
Il paese è spaccato in due e nessuno vuole cedere. Anche se Kibaki è il presidente ufficiale, metà del paese non lo ha mai accettato. Sia lui sia Odinga hanno deciso di aspettare per vedere chi cedeva prima: Raila Odinga ha dalla sua parte una massa inferocita, e Kibaki ha gli strumenti dello stato.
Con il sistema del "chi vince prende tutto" che vige in questo paese non potremo mai veder realizzate le nostre aspirazioni. In questo momento le varie etnie keniane sono imprigionate ognuna nella sua paranoia per mancanza di una struttura in grado di avviare un processo di riconciliazione nazionale.
Quest'anno il Kenya compie 45 anni. Per noi è il momento della verità. C'è un solo modo per uscire bene da questa situazione. Entrambi i leader dovrebbero comportarsi da veri statisti, sedersi intorno a un tavolo e fare quel che serve per raggiungere un accordo.
Dovrebbero condividere temporaneamente il potere e creare una struttura che ci porti alle elezioni e a una nuova costituzione in grado di garantire che gli interessi di tutte le minoranze siano rappresentati adeguatamente.
La nostra è una delle economie più forti del continente. Abbiamo un esercito, una polizia ben addestrati e una burocrazia statale preparata. Disponiamo di alcuni dei tecnocrati più competenti di tutti i paesi in via di sviluppo. C'è anche molta buona volontà tra le varie etnie e classi sociali, e se agiamo subito, le cose possono migliorare rapidamente.
Le esagerazioni che scrivono i corrispondenti stranieri sull'odio atavico tra le nostre etnie non sono vere. Vogliamo tutti la pace e i nostri leader politici dovrebbero parlare chiaramente con i loro sostenitori. Abbaiare contro il nemico non serve a nulla.
È in situazioni come queste che si forgiano le nazioni..
FONTE: Mail&Guardian
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 71
Località : Como-Malindi-Africa

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum