PASSIONE KENYA
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Il mio ritorno in Kenya Testataok33
Migliori postatori
fio (3168)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
Federica (1935)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
dolcemagic (1817)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
Amministratore (1043)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
SaraJua (491)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
mammussi (434)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
Denise (400)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
Iaiaa (306)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
frab (239)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 
Many (233)
Il mio ritorno in Kenya Vote_lcapIl mio ritorno in Kenya Voting_barIl mio ritorno in Kenya Vote_rcap 

Chi è online?
In totale ci sono 11 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 11 Ospiti

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti commentati
Il mio ritorno in Kenya I792754_Immagineultima

Il mio ritorno in Kenya

Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Bianca il Gio Lug 23, 2009 10:54 pm

Non so quanti anni fossero trascorsi, 19-20. Un lungo intervallo prima di ritornare in Africa e la scelta non fu Kenya ma la sua sorellina, la Tanzania. Sei anni fa dando svolta alla mia vita ho trascorso nove mesi in quel paese. Poi il trasferimento a Londra, cinque anni per adattarmi e per essere di nuovo pronta per ritornare in Africa, questa volta il Kenya.
Fine giugno 2009 volo Londra Mombasa. Avevo deciso di trascorrere almeno un paio di giorni in quella città, rivedere il ferry a Likoni e le famose zanne di elefante. La prima volta avevo alloggiato con i miei genitori e fratello allo Shelly Beach, 3km a sud di Mombasa. Non era una grande struttura ma aveva la prerogativa di essere situata di fronte ad un autentico villaggio. Fu così facile per me e mio fratello, all’epoca poco più ventenni, stringere amicizia con alcuni dei ragazzi del posto. Ricordo ancora i loro nomi: Ali, Steve e Sara.
Questa volta ho alloggiato al Castel Royal Hotel al centro di Mombasa. Non so perché ma lo associo al salotto buono di Mombasa: lo spazio esterno dell’albergo con il suo bar, ristorante e gelateria accoglie la borghesia keniota (ma esiste?) ed europei che lavorano in organizzazioni internazionali. E’ una buona postazione per osservare la gente del posto.
Matatu Mombasa Watamu: avevo comprato la scheda keniota e contattato Thomas, ma non gli avevo detto di venirmi a prendere.
Quindi l’assalto quando arrivo: figuriamoci l’unica turista anzi italiana disponibile. Tre ragazzi ed una ragazza che si sgomitano per aiutarmi a cercare un alloggio. Avevo deciso per il Marijani ma non ero riuscita a mettermi in contatto con loro. Bleffo e dico che ho prenotato. Arrivo e Saidi (il mio angelo custode, dolcissimo Saidi) mi da una stanza. Bella, letto con baldacchino e zanzariera con buchi ...e c’è anche un terrazzino con divani e tavolo. Arrivano Thomas e Samuel: non ci sono turisti e tutte le escursioni sono care perché sono da sola. Mi comincia a prendere la depressione. Il giorno dopo Thomas mi porta a Garota: bellissima spiaggia di sabbia bianca, poche alghe e praticamente solo io Thomas e due persone che hanno una casa in quella zona. Martello Thomas per il safari e per la foresta di mangrovie ma lui risponde picche. Insisto dicendo che non esiste il safari di due giorni ma che vorrei farlo almeno di quattro. Praticamente è sucesso il contrario...io che insisto per fare le escursioni e loro che si fanno i problemi. Bah, ma dove sono i beach boys che rompono? Incontriamo Samuel e sembra che una coppia di italiani abbia deciso due giorni e una notte a Tsavo East. Meglio di niente. Il giorno dopo con Samuel alla foresta e al parco marino. foresta stupenda, sugo di polipo divino e giro in canoa bellissimo. Samuel mi dice che la coppia italiana vuole rimandare di qualche giorno il safari. Thomas telefona e sembra che un’altra coppia voglia fare un safari di quattro giorni.....santo Thomas. Partenza la mattina successiva. Non ho ancora capito niente di Watamu ma non vedo l’ora di partire. E da lì è iniziato tutto. Ho rivisto il colore rosso della terra, le strade polverose, i colori che cambiano, gli animali. Ho riprovato l’eccitazione di alzarsi presto, vedere l’alba e viaggiare. Safari è viaggio in Swahili. Ho visitato il Serengheti e Ngorongoro in Tanzania ma questo in Kenya credo sia stato il safari più bello che abbia fatto: non tanto per i parchi anche se passare da Tsavo East a Ovest e poi Amboseli significa vedere paesaggi diversi. Anche i compagni di viaggio fanno la differenza: e sono stata fortunata. tutti sono stati grandi.
C’è stato un momento in cui ho pensato: ‘Così doveva essere l’Eden’ Ad Amboseli l’ultimo giorno siamo passati in una zona che sembrava un’oasi. Elefanti, giraffe, gnu e tanti altri animali e uccelli tutti in armonia. L’armonia della natura: che sensazione. .
Dopo circa 12 ore il ritorno a Watamu. Due giorni prima della partenza per Lamu. Ed ho cominciato a conoscere Watamu. Sono stata a Timboni e il giorno dopo ho fittato una macchina e abbiamo fatto Watamu Malindi per le strade interne. Ho bevuto il vino di palma e Thomas mi ha fatto vedere Vasco de Gama e la villa di Briatore (bè anche questa è Malindi). Dopo essere andati a Sardegna due, faceva quasi freddo, la sera discoteca a Timboni e giorno dopo Lamu. Quattro ore di autobus, quattro ore in cui il mio vicino non ha smesso di chiacchierare. Felice che fossi italiana lui di Lamu ha sfoggiato un italiano con accento romano....ma come fanno a parlare la nostra lingua così bene e noi che non riusciamo a parlare un inglese decente? Si arrabbia quando vede salire la scorta, bè c’è sempre il rischio di essere assaliti dai Somali, perchè dice che non servono a niente se non a prendere soldi. Il paesaggio, quando riesco a vederlo tra le poche pause del mio vicino, è stupendo. Chiaramente mi convince ad alloggiare nell’albergo sul porto ‘Hai la vista sul mare, perchè devi stare all’interno?’ che poi scopro è il suo. Mi porta a casa dove conosco la sua famiglia, manco un napoletano è così ospitale, e me ne vado con tre pacchi di biscotti che lui aveva portato da Mombasa. Ma dove sono? Il giorno dopo vado a Shela dove il figlio di un conoscente del mio nuovo amico mi porta in giro. Ma sulla spiaggia a causa della pioggia, beh è la fine della stagione delle piogge, conosco l’uomo dei cammelli. Anche lui di Watamu, si alza alle cinque per trovare i suoi cammelli che ha deciso di non tenere legati durante la notte. Mi è rimasta impressa l'immagine vivida di questo ragazzo che potrebbe benissimo essere uscito da un racconto, africano. Mi racconta e racconta, ha voglia di parlare. Mi parla delle tribù, di come i Kikuyu non siano molto amati, di quello che è successo due anni fa, del perchè ha lasciato Watamu, anzi Timboni e della nostalgia per la famiglia. Mi dice che anche a Shela gli Italiani hanno acquistato casa e che sull’isola di Manda un italiano sta costruendo un albergo.
A Shela ci sono le dune. Scaliamo queste dune per andare nella zona dove vive, capanne senza acqua e elettricità, e ci fermiamo in una capanna dove vendono vino di palma. Ogni capanna vende il vino ma chiaramente quelle più frequentate sono quelle con belle ragazze. Sono curiosi di vedere una mzungo non più tanto giovane che non disdegna il vino. Il giorno dopo ancora a Lamu, che è bella, forse non come Zanzibar, ma è bella. Il tempo non ha permesso di fare escursioni quindi anticipo la mia partenza e decido di trascorrere gli ultimi due giorni a Watamu. Come tornare a casa. Saidi cucina la verdura che mi piace e tutti al Marijani mi offrono medicamenti per la mia infezione all’alluce. Bè siamo in Africa. Diciamo che ho conosciuto i medici generici di Lamu e Watamu, e ho frequentato le loro farmacie più del supermercato di Mamma Lucy. Thomas e Samuel e gli altri ragazzi di Watamu mi informano che alcuni turisti sono arrivati. Il giorno dopo mi portano al Giacaranda dove il gruppo di Italiani alloggia. Praticamente ho visto il Giacaranda dalla prospettiva dei beach boys, infatti non ho visitato il complesso ma sono stata sulla spiaggia dove ho conosciuto il nuovo animatore, un ragazzo kenyota che vive in un paese del nord Italia e che credendo alloggiassi nell’albergo mi ha gentilmente offerto un lettino e da bere. I due giorni volano e sono di nuovo in partenza. Questa volta dieci ore di autobus, notturno per fortuna ma sono sopravvissuta. Arrivo alle cinque e mezzo del mattino e la sera alle 23.45 ho l’aereo per Londra. Dormo poche ore e mi organizzo con un taxi per un giro della città. Nairobi è proprio città, non me la ricordavo. Fuori Nairobi ci fermiamo a vedere da lontano il secondo slum dell’Africa dopo quello di Soweto. Il tassista mi racconta che prima viveva lì e che se ne era scappato appena aveva potuto perchè non solo sono baracche senza acqua e luce ma in alcune aree mancano proprio anche i bagni. Praticamente le persone defecano in buste di plastica che poi buttano nel fiume, luglio 2009. E’ immenso. Due suore scattano fotografie.
Torno in albergo, doccia, vado a cenare e poi aeroporto. Sto lasciando il Kenya. Non ho fatto fotografie a parte quelle scattate con il cellulare ma gli occhi e il cuore hanno registrato tante emozioni. I volti e i sorrisi delle persone. Quello che ho raccontato è solo una parte di quello che ho provato e vissuto. Ma ci ritornerò di nuovo?

Bianca
Nuovo utente
Nuovo utente

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 10.06.09
Età : 59
Località : londra-napoli

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da fio il Ven Lug 24, 2009 5:26 am

Carissima Bianca,
svegliarsi al mattino, leggere questo racconto, significa che oggi, sarà una giornata felice.
" MA CI RITORNERO DI NUOVO?" E' il finale del tuo racconto.
A domanda risponde: ritornerai,ritornerai e ritornerai: sopratutto per registrare negli occhi e nel cuore;ancora, ancora e ancora tante nuove emozioni.
Fio
fio
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 73
Località : Como-Malindi-Africa

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Bianca il Ven Lug 24, 2009 6:53 am

Fio grazie.

Quando sei stata così bene in un luogo, hai quasi paura di ritornarci. Hai paura di rimanere delusa e di non riprovare quelle stesse emozioni. Ma in fondo è come avere una relazione. Dopo la fase della passione, passione Kenya, nasce un sentimento più equilibrato dove impari ad amare anche i difetti dell'altro. Ma questo succede quando vivi in un posto. Vedremo cosa riserva il futuro.

Bianca
Nuovo utente
Nuovo utente

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 10.06.09
Età : 59
Località : londra-napoli

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Amministratore il Ven Lug 24, 2009 7:30 am

Ciao carissima Bianca,
il tuo racconto è bellissimo, hai veramente vissuto il Kenya, da brava turista fai-da-te! Quante emozioni...quanti ricordi riaffiorano leggendo i tuoi pensieri...iouna risposta alla tua domanda già ce l'ho..IO CI TORNERO'!!!! E sono sicura che lo farai anche tu...
Un abbraccio

Amministratore
Moderatore

Numero di messaggi : 1043
Data d'iscrizione : 15.04.09
Età : 45
Località : Roma

https://passionekenya.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da ele_jambo il Sab Lug 25, 2009 5:22 pm

Un innamorato non può stare troppo tempo senza guardare gli occhi della sua bella, senza toccare le sue mani, respirare il suo profumo.
Tornerai, te lo auguro.
ele_jambo
ele_jambo
Simpatizzante
Simpatizzante

Numero di messaggi : 83
Data d'iscrizione : 26.05.09
Età : 32
Località : Terra

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Bianca il Sab Lug 25, 2009 5:51 pm

ragazzi ma come siete carini

ele_jambo....che bello quello che hai scritto
e mi piace anche che ti dichiari cittadino del mondo o della terra, come tu dici.
Il Kenya e tutta l'Africa rappresentano la madre terra, le nostre
origini. Ecco perchè ci ammaliamo di mal d'Africa, perchè credo che risentiamo di nuovo il richiamo delle origini.
Comunque viaggiamo in Africa, dovunque alloggiamo, quello che vediamo intorno a noi ci ricorda da dove proveniamo.

Bianca
Nuovo utente
Nuovo utente

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 10.06.09
Età : 59
Località : londra-napoli

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Bianca il Sab Lug 25, 2009 7:47 pm

marò....che ho scritto.....sto diventando troppo retorica
e poi anche scontata
sto kenya mi ha proprio insallanuta, rinco... in napoletano

Bianca
Nuovo utente
Nuovo utente

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 10.06.09
Età : 59
Località : londra-napoli

Torna in alto Andare in basso

Il mio ritorno in Kenya Empty Re: Il mio ritorno in Kenya

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.