PASSIONE KENYA
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Testataok33
Migliori postatori
fio (3168)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
Federica (1935)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
dolcemagic (1817)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
Amministratore (1043)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
SaraJua (491)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
mammussi (434)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
Denise (400)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
Iaiaa (306)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
frab (239)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 
Many (233)
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_lcapMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Voting_barMaratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Vote_rcap 

Chi è online?
In totale ci sono 4 utenti online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti commentati
Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya I792754_Immagineultima

Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya

Andare in basso

Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya Empty Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya

Messaggio Da Federica il Lun Ott 10, 2011 11:32 am

Maratona, un affare di Stato vince sempre solo il Kenya

Successi in tutte le 42 km corse ieri, 29 trionfi nelle ultime 30 gare


GIULIA ZONCA
Deve essere il porridge di ugali, una farina di mais, o l'aria di Iten, la città sforna campioni, da qualche parte deve esistere un segreto, una formula magica, una ricetta speciale che i keniani usano per vincere tutte le maratone.

Sì, sono sempre stati forti, predisposti e motivati ma ora è diverso. Non hanno rivali, zero concorrenza e nessuna sorpresa. Non ci si chiede più chi vincerà quella 42 km, ma quale keniano ci riuscirà. Ieri in sequenza hanno dominato tre maratone: Carpi, Eindhoven e Chicago. Posti diversi, importanza diversa e identico risultato: Kenya, Kenya e Kenya e sia in Olanda che in America si sono presi tutto il podio come è appena successo a Berlino e a Daegu nella gara femminile. Sono keniani gli ori Mondiali, l'oro olimpico e il record del mondo maschile appena strappato agli etiopi da Patrick Makau (2h03'38”). Sono tanti, allenati e parlano di «comunità», quel circolo virtuoso che porta i novellini a correre dietro i più forti al mondo. Hanno creato una catena di fenomeni.
A Chicago ha vinto Moses Mosop con il record della corsa (2h05'37”), si era preparato per il primato assoluto ma ha avuto un problema fisico. Ha pure avvisato di essere lontano dal meglio e quando è arrivato ha ammesso di essersi «massacrato» però nessuno lo ha fermato. La maratona è affare loro.

Renato Canova, il tecnico italiano chiamato «mago», allenatore di Mosop e di tanti altri nomi pesanti, respinge l'ipotesi di un elisir di imbattibilità: «Ma quale segreto, loro corrono. Sanno che farlo gli dà la possibilità di guadagnare. I soldi, gli sponsor hanno lasciato la pista e circolano nelle corse su strada. I keniani li hanno seguiti. Certo, sono pieni di talento ma non bisogna chiedersi cosa fanno per essere tanto forti. Piuttosto dove sbagliano gli altri. Dove sono gli europei?». Si cambia città e si trova la stessa risposta. Ad Eindhoven Jafred Chirchir Kipchumba, primo al traguardo in 2h05'48, ride davanti alla lista di keniani premiati: «Coincidenza? Non so, per me la chiave è stata allenarmi con Geoffrey Mutai». Un traino notevole: Mutai ha corso in 2h3'2” l'anno scorso a Boston, un record del mondo non omologato a causa del percorso.

Solo il 5 per cento dei professionisti raggiunge l'elite, il che significa ricambio continuo, una base con percentuali che nessun altro paese, neanche in Africa, può presentare. I migliori tecnici lavorano in Kenya, il movimento è sollecitato e monitorato eppure neanche così si spiega l'assolutismo. Si sono presi 29 delle ultime 30 maratone e solo tenendo conto delle competizioni di alto livello. Il comitato olimpico sta già litigando per i criteri di qualificazione a Londra 2012, chi vince la concorrenza interna è a un passo dall'oro. Dopo Berlino, Patrick Makau ha azzardato una spiegazione: «Da anni siamo in queste condizioni, ora abbiamo aggiunto una sicurezza che non conoscevamo. Alla prima 42 km in carriera ci arriviamo già agguerriti, magari in questo momento anche per gli avversari è più difficile affrontarci».

Prossimo traguardo New York, il 6 novembre. Il favorito è Mutai e l'attenzione è sul Kenya. Gli altri hanno poche possibilità, a meno di scoprire come diavolo si cucina il famoso porridge.
Fonte: www.lastampa.it/sport

Federica
Federica
ADMIN
ADMIN

Numero di messaggi : 1935
Data d'iscrizione : 16.04.09
Età : 43
Località : Uboldo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.