Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 47 il Ven Feb 08, 2013 1:51 pm
Ultimi argomenti

Kenya: bombe in due chiese, 10 morti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Kenya: bombe in due chiese, 10 morti

Messaggio Da fio il Dom Lug 01, 2012 11:40 am

Kenya: bombe in due chiese, 10 morti
Attacchi avvenuti quasi simultaneamente a Garissa, est Paese

(ANSA) - NAIROBI, 1 LUG - Almeno 10 persone sono morte in un attentato compiuto in due chiese di Garissa, citta' a nord est del Kenya. Secondo quanto riferito dal capo della polizia provinciale, Leo Nyongesa, i feriti sono piu' di 50. In base a una prima ricostruzione, gli attacchi, avvenuti nella cattedrale della citta' e nella chiesa appartenente alla congregazione Africa Inland Indipendent Church (Aic), sono stati messi a segno quasi simultaneamente mentre i fedeli erano riuniti per le celebrazioni domenicali.
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

I morti saliti a 18

Messaggio Da fio il Dom Lug 01, 2012 9:17 pm


Almeno 50 feriti

Ancora una domenica di sangue per i cristiani in Kenya dove 17 fedeli sono rimasti uccisi e almeno 50 sono rimasti feriti in un duplice attentato compiuto stamattina in due chiese di Garissa, citta' nel nord del paese, vicino al confine con la Somalia.

Gli attacchi si sono verificati quasi in simultanea presso la cattedrale cattolica della citta' e in una piccola chiesa cristiana appartenente alla congregazione Africa Inland Indipendent Church (Aic). Il bilancio piu' grave e' stato registrato in quest'ultima dove - secondo una prima ricostruzione riferita ai media locali dal vice capo della polizia provinciale, Philip Ndolo - uomini armati e mascherati, prima di fare irruzione all'interno, hanno attaccato e ucciso due poliziotti in servizio e si sono impossessati dei loro fucili usandoli, subito dopo, per uccidere i fedeli raccolti in preghiera.

"Eravamo in un momento di silenzio, poi abbiamo udito un violento boato provenire dal tetto e, successivamente, colpi d'arma da fuoco. Alcuni uomini sono entrati in chiesa, ci hanno ordinato di sdraiarci e poi hanno cominciato a sparare. Tutti gridavano e tanti si lamentavano per il dolore", ha raccontato David Mwange, uno responsabili della chiesa di Garissa.

E mentre nella piccola congregazione cristiana si consumava la tragedia, a poche decine di metri, nella cattedrale cattolica, una granata esplodeva ferendo tre persone.

Il duplice attentato segue quello messo a segno lo scorso mese di aprile a Nairobi, nella chiesa della congregazione 'Casa dei miracoli di Dio', poco prima dell'inizio della funzione religiosa che provoco' un morto e decine di feriti.

Tra le prime personalita' ad esprimere disappunto per gli attacchi e' stato Sheikh Mohammed Khalifa, del Consiglio degli Imam e Predicatori del Kenya (Cipk), che ha condannato con forza gli attacchi terroristici. "Qualunque persona timorata di Dio non festeggera' mai la morte di persone innocenti che si riuniscono per pregare Dio", ha detto ai media locali il rappresentante dei musulmani in Kenya. E il presidente del Consiglio Supremo dei musulmani del Kenya, Abdulghafur El-Busaidy, ha invitato a rispettare "chiese, moschee o templi".

Anche il Vaticano ha levato la sua voce. La strage dei cristiani a Garissa e' stata definita dalla Santa Sede "un fatto orribile e molto preoccupante". "Sembra che fra i gruppi terroristi l'attacco ai cristiani riuniti la domenica nei loro luoghi di culto sia diventato un metodo considerato particolarmente efficace per la diffusione dell'odio e della paura", ha detto il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ai microfoni della Radio Vaticana. Secondo il direttore della sala stampa vaticana, "la vilta' della violenza nei confronti di persone inermi riunite pacificamente in preghiera e' inqualificabile. Occorre riaffermare e difendere decisamente la liberta' religiosa dei cristiani", ha concluso Lombardi.
Fonte: RAI 24 News
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum