Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

AIDS: i pazienti 'superinfettati' offrono una speranza per il vaccino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

AIDS: i pazienti 'superinfettati' offrono una speranza per il vaccino

Messaggio Da fio il Mar Apr 03, 2012 3:47 pm

AIDS: i pazienti 'superinfettati' offrono una speranza per il vaccino

Le donne infettate con due diversi ceppi di HIV da due diversi partner sessuali sviluppano una risposta immunitaria più forte rispetto alle donne infettate da un solo ceppo.

Lo dimostra uno studio pubblicato su PLoS e condotto dai ricercatori del Fred Hutchinson Research Cancer Center di Seattle. Questo tipo di infezione doppia viene chiamato dai medici 'superinfezione'.

La scoperta che una miscela di diversi ceppi di HIV può essere un modo per innescare una risposta più potente del sistema immunitario può risultare strategica negli sforzi di sviluppare un vaccino contro l'HIV. I ricercatori hanno monitorato per cinque anni l'attività immunitaria di 12 donne superinfettate in Kenya.

Rispetto alle donne con una sola infezione, le donne superinfettate hanno presentato circa il 70 per cento in più di anticorpi neutralizzanti. In questi casi la capacità degli anticorpi nel neutralizzare l'HIV è stata quasi il 50 per cento più forte.

"Abbiamo trovato che le donne infettate da un doppio ceppo non solo presentavano una risposta anticorpale più potente, ma alcune di esse avevano un'attività speciale, cosiddetta d'elite, degli anticorpi, vale a dire un'ampia capacità di neutralizzare una vasta gamma di ceppi di HIV nel corso di un periodo prolungato di tempo", ha affermato Julie Overbaugh, autore principale dello studio.

Solo circa l'1 per cento delle persone affette da HIV presentano 'neutralizzatori d'elite', hanno concluso i ricercatori.
Fonte:Paginemediche.it
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum