Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 5 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Sparatoria nel campo di Dadaab dove vivono 500.000 somali; “situazione al limite” dice Caritas Somalia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sparatoria nel campo di Dadaab dove vivono 500.000 somali; “situazione al limite” dice Caritas Somalia

Messaggio Da fio il Ven Mar 16, 2012 2:58 pm

KENYA - Sparatoria nel campo di Dadaab dove vivono 500.000 somali; “situazione al limite” dice Caritas Somalia

Nairobi - Un uomo armato di pistola questa mattina ha ucciso due civili e ferito gravemente una terza persona nel campo profughi di Dadaab, nel nord del Kenya, dove vivono più di 500.000 rifugiati somali. L'allarme sicurezza dell'area era stato lanciato nei giorni scorsi da alcuni esponenti del Governo di Nairobi, che avevano annunciato il rimpatrio nelle zone liberate della Somalia di 630.000 rifugiati tra qualche mese.
“Da diversi mesi il campo di Dadaab vive una situazione di insicurezza, perché il numero delle persone accolte supera le capacità delle sue strutture” dice all’Agenzia Fides Maria Grazia Krawczyk, responsabile di Caritas Somalia. “Continuano ad arrivare rifugiati e le strutture sono al limite. Sono aumentate in effetti le tensioni e gli episodi di violenza tra gli ospiti. Le organizzazioni umanitarie che prestano assistenza nel campo hanno attivato alcuni progetti per far fronte a questa situazione. In particolare per prevenire la violenza sulle donne e sui bambini”.
Chiediamo alla responsabile della Caritas se anche tra i rifugiati si avvertono le divisioni tra i clan che tanto peso hanno avuto e stanno avendo sulla situazione della Somalia. “Sicuramente sono gli stessi ospiti a divedersi per clan – risponde -. Non chiediamo informazioni sull’appartenenza a questo o quel clan. In un’altra situazione, mi riferisco al campo di Gibuti, le persone accolte sono divise per provenienza geografica: esiste il quartiere eritreo, quello etiopico e quello somalo”. (L.M.) (Agenzia Fides)
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum