Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Kenya: le donne faranno il loro ingresso in politica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Kenya: le donne faranno il loro ingresso in politica

Messaggio Da Federica il Gio Gen 05, 2012 1:26 pm

Kenya: le donne faranno il loro ingresso in politica

4 gennaio 2012
Proto Onyango

Nairobi - Le elezioni del 2012 che si terranno in Kenya ad agosto apriranno le porte alla massiccia partecipazione politica delle donne per la prima volta.

La nuova costituzione in vigore dal mese di agosto 2010 contiene una disposizione che dovrebbe cambiare radicalmente la rappresentanza politica per le donne in questo paese dell'Africa orientale.
Attivisti per i diritti delle donne in Kenya sono fiduciosi che, a seguito dell'articolo costituzionale 81 (b), che afferma che "non più di due terzi dei membri del elettivi degli enti pubblici devono essere dello stesso sesso," i loro problemi di sottorappresentazione in organismi chiave del governo diventerà un ricordo del passato.

Il Kenya è una società patriarcale in cui le donne solo ottenuto uguali diritti di ereditare la terra quando la nuova Costituzione entrata in vigore. E le donne che parlare sono spesso visti come disadattati sociali.

Per esempio, quando alla fine degli anni Prof. Wangari Maathai opposti alla costruzione di un edificio di 60 piani a Nairobi Uhuru Park, alti dirigenti di sesso maschile politica del governo di allora presidente Daniel arap Moi chiamò una pazza.

Ma un cambiamento radicale è in serbo, perché ora le donne devono formare un terzo di qualsiasi organo elettivo pubblico.

E il principio dei due terzi sesso equilibrio è già stato implementato in alcuni appuntamenti chiave compiuti dopo che la nuova costituzione è stata promulgata. In tutte le commissioni e altri uffici costituzionali che si sono formati, la regola è stata seguita.

Per la prima volta in Kenya 48 anni di indipendenza, un terzo dei membri della Corte Suprema, la commissione sulla ripartizione dei ricavi, la commissione per l'attuazione della Costituzione e gli stipendi e la messa in compenso sono donne.

Ma il vero colpo di fortuna arriverà con le elezioni generali di agosto.

Nella nuova Costituzione, il Kenya ha adottato un governo decentrato composto dai governi nazionali e contea. E invece di un 224-membro a camera singola Assemblea Nazionale, ci sarà una Assemblea Nazionale e Senato in rappresentanza delle 47 contee in cui il paese è stato diviso. Ci sarà anche una Assemblea County.

Nell'Assemblea Nazionale, dove vi sono attualmente 210 membri eletti dal popolo, 12 membri nominati dalle parti, e il procuratore generale e presidente della Camera come membri ex-officio, ci saranno 290 membri eletti, 47 rappresentanti femminili della contea, e 12 nomination soci, portando il totale a 349.

E il nuovo Senato sarà composto da una persona eletta da ogni regione, così come 21 membri nominati, di cui almeno 16 donne, due membri in rappresentanza dei giovani - una donna e un uomo, due membri in rappresentanza delle persone con disabilità - di nuovo un donna e un uomo, e un altoparlante.

I 47 rappresentanti delle contee sono eletti i membri e possono essere uomini o donne, mentre i membri nominati vengono prelevati dalle loro parti.

La Costituzione impegna i partiti politici per garantire che per ogni tre membri del partito ha presentato in lizza per cariche politiche, ci deve essere una donna. E se lei non riesce ad essere eletta, una donna deve essere nominata dal partito.

Le donne attualmente detengono meno del 10 per cento dei seggi in parlamento, con solo 22 donne su 224 membri - anche se questo è il più grande numero mai. E nel governo, ci sono solo sei donne su un totale di 40 ministri.

Riunione di un terzo obiettivo più facile a dirsi che a farsi
Un emendamento proposto elaborato dal ministro della Giustizia, Mutula Kilonzo offre una formula da adottare se le elezioni non riescono a produrre il numero necessario delle donne per garantire che non più di due terzi dei membri del parlamento sono uomini, come previsto dall'articolo 81 (b ) della Costituzione.

Se non abbastanza donne sono eletti e nominati, il disegno di legge propone di aumentare il numero dei legislatori 349-449 nell'Assemblea Nazionale, e 67-90 al Senato.

Così, i contribuenti del Kenya avrebbe finito per pagare di più, al fine di soddisfare la regola genere, se le elezioni non riescono a produrre 100 donne oltre i 47 che devono essere nominati per rappresentare le contee.

Kilonzo ministro dice che i soldi non sono nella sua mente ora. "Se kenioti non vogliono spendere soldi in più, dovrebbero votare in 100 donne durante le elezioni, che si aggiungono ai 18 che saranno al Senato e 47 che saranno automaticamente eletti in rappresentanza delle contee. In caso contrario, dovrà lavorare con questa misura temporanea per rabboccare (il numero di) donne".


Accolti da parte delle donne
Molte donne leader, sia nel governo e la società civile, sono felici con le disposizioni costituzionali.

"Siamo stati chiamati nomi e lottato per lasciare un segno in questa società dominata dagli uomini, ma ora è su di noi ad uscire in grande numero e votare le donne leader, perché abbiamo sofferto molto. Dopotutto, siamo la maggioranza ", dice il ministro Acqua Charity Ngilu, la prima donna a correre per la presidenza del Kenya, nel 1997. Lei è emerso sesto, dietro a cinque uomini.

MP Martha Karua, che è in lizza per la presidenza quest'anno, le azioni Ngilu i sentimenti. "Le donne capiscono i problemi in questo paese, non sono corrotti e vogliono cambiare il modo in cui è governato il Kenya La Costituzione è il nostro trampolino di lancio;. Facciamo lo usano per portare prosperità al nostro amato Paese", ha detto all'IPS.

L'ex deputato Paolo Muite, un noto avvocato di Nairobi, che è anche sparando per la presidenza, accoglie con favore la disposizione, ma è preoccupato che gli uomini potrebbero ora si trovano in una simile situazione di sotto-rappresentazione.

"Data la storia di questo paese, le donne possono votare in molti di loro a superare gli uomini. Ma noi si applica la stessa legge, se questo accade. Ma per ora, facciamo quello che dice la legge, perché questo è il prezzo per la democrazia "Muite ha detto all'IPS.

Priscilla Nyokabi, il direttore del Cha Kituo Sheria (Centro Legale Empowerment), sta esortando gli altri attivisti della società civile a vigilare e fare in modo che il governo segue la nuova legge. "Questo porterà sviluppo a tutti i keniani perché gli uomini sono egoisti e pensano solo a se stessi", ha detto all'IPS.

E Rael Masimba, una donna divorziata che vive per le strade di Nairobi, ha in programma di andare a casa e citare in giudizio i suoi cugini per la terra di suo padre, che era stato negato quando i suoi genitori sono morti perché lei è una donna ed è stato sposato al momento.
Fonte: http://allafrica.com
avatar
Federica
ADMIN
ADMIN

Numero di messaggi : 1935
Data d'iscrizione : 16.04.09
Età : 39
Località : Uboldo

Tornare in alto Andare in basso

La Corte del Kenya ha stabilito elezioni nel 2013, a meno che la coalizione crolla

Messaggio Da fio il Ven Gen 13, 2012 5:19 pm

La Corte del Kenya ha stabilito elezioni nel 2013, a meno che la coalizione crolla

La High Court ha stabilito che la prossima elezione generale del Kenya sotto la nuova costituzione si terrà a marzo 2013, a meno che la grande coalizione sia sciolta.

I tre giudici della Corte costituzionale Isaac Lenaola, David Majanja e Mumbi Ngugi hanno stabilito che le elezioni potrebbero essere effettuate entro 60 giorni dopo la scadenza dell'attuale Parlamento, che è il 14 gennaio 2013.

Il governo aveva proposto il voto a dicembre 2012.
La costituzione, approvata da un referendum nel 2010, aveva fissato le elezioni presidenziali e parlamentari del Kenya per il 14 agosto 2012.
Fonte:THE STANDARD
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Kenya, Clinton: Con prossime elezioni sia modello per il mondo

Messaggio Da Federica il Dom Ago 05, 2012 8:16 am

Kenya, Clinton: Con prossime elezioni sia modello per il mondo


Nairobi (Kenya), 4 ago. (LaPresse/AP) - "Chiediamo che la nazione si unisca e si prepari per elezioni che siano un vero modello per l'intero mondo". Così il segretario di Stato Usa Hillary Clinton in Kenya, dopo aver incontrato i vertici della Corte suprema, chiedendo che nel voto del prossimo anno siano evitate violenze come quelle che segnarono le elezioni del 2007. Ha aggiunto che gli Usa hanno promesso di assistere il popolo e il governo kenyota per assicurare che il prossimo voto sia "libero, pulito e trasparente". Clinton, che oggi incontrerà anche membri del governo di transizione somalo e altri leader regionali, è arrivata in Kenya dall'Uganda, nel quarto degli 11 giorni di tour europeo.

Pubblicato il 4 agosto 2012
Fonte: www.lapresse.it
avatar
Federica
ADMIN
ADMIN

Numero di messaggi : 1935
Data d'iscrizione : 16.04.09
Età : 39
Località : Uboldo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Kenya: le donne faranno il loro ingresso in politica

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum