Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 8 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 8 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Kenya. Africa: Colture di mais soffrono i cambiamenti climatici

Andare in basso

Kenya. Africa: Colture di mais soffrono i cambiamenti climatici

Messaggio Da dolcemagic il Lun Mar 14, 2011 10:52 am

Colture di mais soffrono i cambiamenti climatici.

Una scoperta sul rendimento delle colture di mais in Africa dimostra che il mais, a lungo considerato come una pianta che tollera temperature calde, sarà invece una probabile vittima del riscaldamento globale.
Un agronomo di Stanford, David Lobell e ricercatori su mais e frumento dell’ International Improvement Center (CIMMYT) hanno affermato, nel numero inaugurale della Climate Change Nature la prossima settimana, che un chiaro effetto negativo del riscaldamento sulla produzione del granturco – o mais – era evidente nei dati sperimentali di prova raccolti in Africa da parte dell’organizzazione e dei suoi partner fra il 1999 e il 2007.
Guidati da Lobell, i ricercatori hanno combinato i dati di 20.000 coltivazioni nell’ Africa sub-sahariana con i dati meteorologici rilevati presso le stazioni sparse in tutta la regione. Hanno trovato che un aumento della temperatura di un unico grado Celsius potrebbe causare perdite di produzione per il 65 per cento alla coltivazione del mais in Africa – a condizione che le colture ricevano la quantità ottimale di pioggia. In condizioni di siccità, l’intera regione subirebbe perdite di rendimento sulla coltivazione del mais, con oltre il 75 per cento delle aree che prevede che scenderà di almeno il 20 per cento per 1 grado Celsius di riscaldamento.
“Il marcato effetto del calore per il mais è stato sorprendente, perché abbiamo assunto che il mais fosse tra le colture più resistenti al calore”, ha dichiarato Marianne Banziger, co-autore dello studio e direttore generale aggiunto per la ricerca a CIMMYT.
“In sostanza, più a lungo una coltura di mais è esposta a temperature superiori ai 30 C, o F86, più si ha un calo di rendimento”, ha detto. “L’effetto è ancora maggiore se la siccità ed il calore si uniscono, cosa che dovrebbe accadere più frequentemente con i cambiamenti climatici in Africa, Asia o America centrale, e rappresenterà una sfida in più di soddisfare la crescente domanda di colture di base sul nostro pianeta.”
Fonti analoghe di informazione nel resto del mondo in via di sviluppo potrebbero migliorare la previsione dei raccolti per altre vaste regioni dove i dati sono mancati, secondo Lobell, che è l’ autore principale del documento che descrive lo studio.
“Le proiezioni degli impatti del cambiamento climatico sulla produzione alimentare sono stati ostacolati dal non sapere esattamente come le colture si comportano quando fa caldo”, ha detto Lobell. “Questo studio aiuta a definire tale questione, almeno per una coltura importante”.
Mentre sono state sperimentate colture per molti anni in tutta l’Africa, per identificare le varietà promettenti per il rilascio agli agricoltori, nessuno aveva già esaminato il clima nei centri di sperimentazione e studiato l’effetto del clima sui rendimenti, ha detto Lobell, che è professore assistente di Scienze Ambientali della Terra.
“Queste prove sono state organizzate per scopi completamente diversi dallo studiare l’effetto dei cambiamenti climatici sulle colture,” ha detto. “Avevano un obiettivo molto più a breve termine, che era quello di ottenere i ceppi migliori per consegnarli nelle mani dei coltivatori di mais.”
I dati registrati presso i siti di test di rendimento non includono informazioni meteo. Invece, i ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti da stazioni meteorologiche di tutta l’area sub-sahariana. Anche se le stazioni sono state gestite da organizzazioni diverse, tutti i dati raccolti sono stati organizzati dalla World Meteorological Organization, quindi i metodi utilizzati sono stati coerenti.
Lobell poi ha preso i dati meteo disponibili e li ha interpolati tra le stazioni di registrazione per dedurre come sarebbe stato il clima presso i siti di prova. Con la fusione dei dati meteo e dei raccolti, i ricercatori hanno potuto esaminare gli impatti climatici.
In precedenza, la maggior parte della ricerca sugli effetti del cambiamento climatico sull’agricoltura ha potuto contare sui dati raccolti da studi nelle regioni temperate del Nord America e Europa, ed è stato un problema.
“Quando si prende un modello che è stato sviluppato con i dati da un tipo di ambiente, come un clima temperato, e si applicano al resto del mondo, ci sono un sacco di cose che possono andare male” Lobell ha detto, osservando che una gran parte del mondo in via di sviluppo risiede in climi tropicali o subtropicali.
Ma ha detto che in molti dei paesi più grandi del mondo in via di sviluppo, come India, Cina e Brasile, che comprendono una vasta gamma di climi, sono in esecuzione programmi di prova di rendimento che potrebbero essere una fonte di dati comparabili. Le imprese agro-alimentari private fanno sempre più test sui raccolti nei tropici.
“Speriamo che con questa chiara dimostrazione del valore di questo tipo di dati per valutare gli impatti climatici sulle colture che gli altri condividano o guardino da vicino i propri dati per le varie coltivazioni”, ha detto Lobell.
“Penso che potrebbe essere solo la punta dell’iceberg di ciò che può essere ottenuto combinando le conoscenze esistenti e i dati da parte delle comunità climatiche e agricole. Speriamo che questo contribuirà a catalizzare qualche sforzo di più in questo settore”.

Fonte: Gaianews.it
avatar
dolcemagic
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 1817
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Verbania ( lago Maggiore )!!!

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum