Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

150.000 nel nord del Kenya a rischio fame causa la crisi alimentare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

150.000 nel nord del Kenya a rischio fame causa la crisi alimentare

Messaggio Da fio il Lun Gen 10, 2011 11:40 am

150.000 nel nord del Kenya a rischio fame causa la crisi alimentare

Nairobi 10 genn.-Più di 150.000 persone nel nord del Kenya sono a rischio di morire di fame.
I bambini sotto i cinque anni, donne incinte e gli anziani devono sopportare il peso di insicurezza alimentare causa la siccità devastante che porta all'esaurimento delle risorse nella regione.

Nella città di Moyale, due bambini sotto i cinque anni sono stati ricoverati in ospedale distrettuale con una grave malnutrizione, secondo la relazione Kenya Red Cross Society sulla siccità in Oriente Superiore.

In Marsabit North District, voci non confermate hanno detto che due pastori anziani sono morti di fame.Le agenzie di soccorso hanno già iniziato la distribuzione di cibo nella zona.

Un rapporto della Croce Rossa indica che la maggioranza dei residenti nel nord del Kenya rischiano di morire di fame a seguito del mancato raccolto massiccio nelle ultime tre stagioni di semina.

Ci sono state anche segnalazioni di animali morti nella regione a causa della siccità. "Residenti in Isiolo, Marsabit, Samburu e Moyale sono in assistenza alimentare di soccorso, che non è sufficiente. Gli abitanti del posto hanno adottato il meccanismo di adattamento saltando un pasto al giorno.

In Marti, Samburu North District, le famiglie pastorali non si preparano il pranzo, tranne porridge per i bambini ", dice il rapporto.

A Moyale, Marsabit County, il prezzo di un chilo di mais è salito dai SH25 a SH40, mentre i prezzi fagioli sono passati da SH50 a Sh70 al chilo.

Carenza di acqua

Il rapporto della Croce Rossa dice che i locali utilizzano acqua non potabile da pozzi poco profondi. L'acqua è fornita da produttori a Sh60 per 20 litri a tanica.. La maggior parte dei residenti non possono permetterselo.

"La situazione è così grave e l'operato degli autotrasporti d'acqua per il consumo umano è iniziata in molte parti della regione.

A Moyale, le zone più colpite che si trovano già sotto il sistema ddell'autotrasporto d'acqua sono Amballo, Garba, Iladu, Watiti, Dirdima, Funan Qumbi, e Baden Rero, e Badana Garadida a Isiolo.

Da parte sua, il coordinatore del progetto Actionaid a Isiolo County signor Muhamed Ahmed ha detto:

"Abbiamo distribuito cereali, porridge, olio e sale per i locali in base alla Food and Agricultural Organisation standard, ma la distribuzione sarà estesa ad altri settori se il gruppo alimentare in Kenya steering valuta la situazione e determina se è possibile farlo."
Fonte:Daily Nation

avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 70
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Re: 150.000 nel nord del Kenya a rischio fame causa la crisi alimentare

Messaggio Da dolcemagic il Gio Mar 08, 2012 10:56 am

KENYA, GOVERNO INTERVIENE CONTRO CRISI ALIMENTARE.

11:05 08 MAR 2012
(AGIAFRO) - Nairobi, 8 mar. - Il primo ministro del Kenya, Raila Odinga, ha annunciato che il suo governo ha sbloccato fondi pari a 96 milioni di dollari per interventi a favore delle vittime della crisi alimentare e dei disoccupati e sotto-occupati. In un intervento a una tavola rotonda a Nairobi sullo stato dell'economia nazionale, il premier ha affermato che ai fondi pubblici "sono da aggiungere altri 12 milioni di dollari donati da imprenditori privati e da semplici cittadini, tutti intenzionati a rifornire di cibo i connazionali che ne sono privi". Odinga ha attribuito parte dei problemi alimentari del Paese all'"alternarsi di siccita' e alta piovosita' che ha caratterizzato diverse regioni di questo paese negli ultimi anni danneggiando le coltivazioni e portando a un aumento dei prezzi delle derrate alimentari, del tutto insostenibili per i piu' poveri".
Fonte:(AGIAFRO) .
avatar
dolcemagic
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 1817
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Verbania ( lago Maggiore )!!!

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum