Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 8 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 8 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Coccodrilli e leoni in agguato.

Andare in basso

Coccodrilli e leoni in agguato.

Messaggio Da dolcemagic il Mar Lug 27, 2010 9:51 am

Coccodrilli e leoni in agguato
aspettano il passaggio degli gnu.

La più grande migrazione che avviene in natura


E’ iniziata la migrazione degli umani verso i luoghi di vacanza, che per molti italiani si risolve nel piazzarsi in qualche stabilimento balneare in cerca di quelle che qualche antropologo ha definito le tre "s" del mare: sole, sabbia, sesso. Similmente, lungo strade altrettanto lunghe e difficili, scorre l'esodo degli gnu e di migliaia di mammiferi africani in una delle più spettacolari migrazioni che si conoscano in natura. E' un circuito di 3.200 chilometri che un milione di gnu percorre ogni anno con 200 mila zebre e mezzo milione di gazzelle di Thomson, tra le pianure del Serengeti in Tanzania e i pascoli del nord del Kenya, alla ricerca di erba verde da brucare.
In queste settimane (e fino a settembre) una delle tappe più drammatiche che gli gnu affronteranno dopo il guado obbligato del fiume Grumeti, tra giugno e luglio, è l'attraversamento del fiume Mara, prova degna della Salerno-Reggio Calabria o dell'imbarco sui traghetti: una mandria colossale di erbivori, un fiume di animali lungo anche venti chilometri, cercherà uno dei pochi guadi disponibili. Ma coccodrilli e leoni sono in agguato: gli gnu si accalcano e non sono abili nuotatori, sono facili prede. Inoltre non sempre scelgono il punto giusto: l'anno scorso l'attraversamento del Mara è stato fatale a diecimila bovini, affogati perché si erano tuffati nel punto sbagliato della Riserva naturale Maasai, troppo profondo e con rive troppo ripide. Ne sono morti duemila in un giorno solo.
Le immagini che documentano l’esodo sono impressionanti: il "circuito” attraversa alcune delle regioni più belle della terra, verdissimi crateri di antichi vulcani e paesaggi primordiali; comprende ad esempio la famosa Olduvai Gorge, dove sono stati rinvenuti i reperti fossili dei primi ominidi, e l’immensa pianura del Serengeti dalle cui distese meridionali gli animali partono in aprile-maggio (tempi e luoghi variano) per tornare nove mesi dopo, dando vita alla più alta concentrazione di mammiferi sulla terra.
Più di un quarto (piccoli, anziani, ritardatari) muore di fatica o divorato da leoni, ghepardi, iene e coccodrilli, ma i più ce la fanno, protetti dal branco.
Che dire? L’Africa è anche questo, oltre a ingiustizie e multinazionali, come racconta spesso la rivista CapoSud, composta da redattori del Sud del Mondo. C’est la vie, è la lotta per la sopravvivenza. Buon viaggio.


Fonte: La stampa.it
avatar
dolcemagic
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 1817
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Verbania ( lago Maggiore )!!!

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum