Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è online?
In totale ci sono 5 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Hiv: diminuisce il contagio nei ragazzi tra i 15 e i 24 anni

Andare in basso

Hiv: diminuisce il contagio nei ragazzi tra i 15 e i 24 anni

Messaggio Da fio il Mer Lug 14, 2010 5:08 am

Hiv: diminuisce il contagio nei ragazzi tra i 15 e i 24 anni

13 luglio-Le Nazioni Unite hanno annunciato oggi una svolta nella lotta contro il virus con il rilascio di dati che indicano che le infezioni sono scese tra i giovani in 15 dei paesi più colpiti al mondo.

La notizia è ancora migliore in 12 dei paesi più colpiti, dove sono scesi i livelli di HIV del 25% tra le persone di età tra i 15-24 anni, in risposta, UNAIDS insiste con campagne di prevenzione tenaci che avvertano sui pericoli di contrarre il virus e sulla necessità per le persone di cambiare il loro comportamento sessuale.

RIFORMULARE LA RISPOSTA ALL’AIDS - Michel Sidibé, capo di Unaids che ha pubblicato il rapporto prima della conferenza internazionale sull’AIDS a Vienna la settimana prossima, ha detto che i giovani sono stati i leaders di una rivoluzione nella prevenzione aggiungendo l’autorità necessaria per cambiare rotta nella battaglia contro l’HIV/AIDS. “Penso che per me ciò che è molto importante è dire al mondo che siamo in un momento determinante. Ora dobbiamo ri-formulare completamente la risposta all’Aids“, ha affermato Sidibé . Questa ridefinizione deve avvenire, ha detto, a causa dei crescenti costi di trattamento per l’HIV e relativi alla crisi economica globale. “Il mondo sta chiedendo il cambiamento. Non si può continuare con la stessa risposta. Non è sostenibile. E’ molto chiaro all’opinione pubblica, regione per regione, che l’AIDS continua ad essere una priorità assoluta, ma tutti sono chiamati ad un cambiamento di paradigma“. I costi dei farmaci antiretrovirali sono altissimi. Persino paesi come il Brasile, che avevano successivamente reso gli antiretrovirali a disposizione di tutti, ora sono colpiti dalla crisi finanziaria perché i farmaci di prima fascia non sono più abbastanza efficaci e l’ HIV diventa resistente nel tempo. I farmaci di terza fascia in Brasile ora costano 19.000 dollari a persona, all’anno.

TRATTAMENTI PIU’ ECONOMICI - Ma i farmaci da soli, anche se fossero resi accessibili per tutti, non sarebbero sufficienti. “Mentre stavamo cercando di spingere per il trattamento, abbiamo visto che le nuove infezioni sono di nuovo cresciute e non siamo stati convinti che stavamo facendo progressi con i giovani”, ha sottolineato Sidibé. Quindi la relazione che Unaids ha rilasciato oggi, offre speranza per una nuova strategia di prevenzione che deve avere a cuore anche gli sforzi per rendere più semplice e più economico continuare il trattamento disponibile. “I giovani si stanno facendo promotori, e questo è un progresso – continua Sidibé – per la prima volta esiste una correlazione tra questo (il declino della diffusione) e il comportamento, che per me è una notizia molto importante in termini di strategie per affrontare l’epidemia“.

INDAGINI SULLE DONNE INCINTE - Il maggior calo si è verificato in Kenya, dove l’HIV tra i 15-24 anni di età è sceso del 60 % tra il 2000 e il 2005. Nelle aree urbane è diminuito dal 14,2% al 5,4% , mentre nelle zone rurali, è sceso dal 9,2% al 3,6%. In Etiopia, il rapporto mostra una diminuzione del 47% tra le giovani donne in gravidanza nelle aree urbane e il 29% nelle zone rurali. In Malawi e Costa d’ Avorio, la prevalenza del virus tra i giovani donne urbane in stato di gravidanza è diminuita del 56% e in Burundi e Haiti è scesa di quasi la metà. Riduzioni di più di un terzo sono state segnalate in Namibia, Zimbabwe, Botswana, Rwanda e Lesotho. La maggior parte dei dati provengono da cliniche prenatali, dove vengono testate le giovani donne in stato di gravidanza. Il modello matematico dimostra che esse sono un buon indicatore delle tendenze di tutto il gruppo di età. Indagini più estese tra la popolazione sono anche meglio, tuttavia, esse sono disponibili in sette paesi. In sei di questi paesi, una diminuzione della prevalenza è stata osservata tra le giovani donne – ma solo in quattro dei sette c’era un calo di prevalenza tra gli uomini giovani.

MENO PARTNER SESSUALI - Unaids crede che il progresso sia frutto degli sforzi per convincere i giovani a cambiare il loro comportamento sessuale. In 13 paesi in cui è stata effettuata la ricerca, i giovani hanno riferito di aver atteso più a lungo per avere il loro primo rapporto sessuale. Generalmente si trattava di giovani donne, ma in Camerun, Etiopia, Malawi e Zambia era lo stesso anche per gli uomini.Lo studio ha anche scoperto che uomini e donne avevano un minor numero di partner sessuali e che l’uso del condom è aumentato per entrambi i sessi..
Fonte:Giornalettismo.com
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 71
Località : Como-Malindi-Africa

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum