Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

Perché l'Italia sta dando priorità allo sviluppo dell'Africa

Andare in basso

Perché l'Italia sta dando priorità allo sviluppo dell'Africa

Messaggio Da fio il Gio Gen 14, 2010 11:10 am

Perché l'Italia sta dando priorità allo sviluppo dell'Africa

Nairobi 14 gen.-L'Italia sta prestando in Africa, nella convinzione che sia un continente diverso da quello tradizionalmente raffigurato come una terra di povertà, malattie e conflitti.

L'Africa è un continente giovane, con un enorme potenziale in termini di capitale umano. Si tratta di un continente che non è solo uno dei principali fornitori di materie prime, ma anche un mercato di 900 milioni di consumatori, con un grande potenziale per gli investimenti.

Sul piano politico, l'Africa è diventata un partner chiave per dialogo su temi strategici quali la sicurezza energetica. Ed è un partner essenziale per affrontare le sfide mondiali, dai cambiamenti climatici alla lotta contro il terrorismo.

Ho potuto constatarlo di persona durante la mia visita in Africa Occidentale nel febbraio 2009, e vorrei saperne di più durante la mia prossima visita in Mauritania, Etiopia e Uganda.

Naturalmente, nessuno di questo significa che i gravi problemi e le molte contraddizioni che affliggono l'Africa sono vicini a una soluzione. È così, soprattutto in un momento in cui lo sviluppo del continente è stato portato a un brusco arresto della crisi economico-finanziaria e alimentare.

Anche per questo motivo, abbiamo deciso di fare l'Africa ill centro del G-8 italiano. Abbiamo invitato un numero significativo di paesi africani a prendere parte al vertice G-8 a L'Aquila, per la prima volta, come giustamente attori politici.

Decisioni concrete sono state fatte a L'Aquila per risolvere alcuni cruciali problemi africani, come l'accesso al cibo e all'acqua. Più in particolare, i paesi industrializzati e le economie emergenti hanno impegnati 20 miliardi dollari per aiutare a migliorare la sicurezza alimentare nel continente.

Naturalmente, i problemi dell'Africa non finiscone con il G-8 Summit in L'Aquila. Ma furono gettate le basi per costruire un futuro migliore per il continente. Un futuro migliore è necessario per un nuovo "Patto per l'Africa" tra il continente, da un lato, e i paesi industrializzati e le economie emergenti, dall'altro.

Vi è la consapevolezza che il partenariato UE-Africa potrebbe essere lo strumento giusto per rendere più facile per raggiungere due obiettivi: la creazione di una forza di pace africana e architettura di sicurezza, e l'integrazione economica del continente. Ci sono essenzialmente quattro direzioni da seguire per sviluppare il partenariato Europa-Africa: la sicurezza e il mantenimento della pace;le crisi e i conflitti dimenticati, i diritti alla democrazia, e un nuovo modo di "fare" di sviluppo.

Sicurezza africana e europea sono strettamente connessi. Fenomeni come l'immigrazione clandestina, traffico di armi e di droga, il terrorismo, la criminalità organizzata e la pirateria devono essere affrontati insieme. Un fattore incoraggiante è la maggiore disponibilità del continente ad assumersi la responsabilità di gestire le crisi che affliggono e per cercare soluzioni.

L'Unione africana e le organizzazioni sub-regionali svolgono un ruolo sempre più importante nella promozione della pace. L'Italia è uno dei principali sostenitori di impegno dell'Unione africana, non da ultimo attraverso la''italiane pace in Africa'', uno strumento finanziario ad hoc.

Abbiamo incoraggiato il G-8 ad assumere impegni per sostenere centri di formazione regionali in Africa, le cui attività dovrebbero essere sempre più legati a quelli dei centri di eccellenza nel G-8 paesi. Dobbiamo inoltre continuare ad investire nelle istituzioni democratiche a promuovere il buon governo e combattere la cattiva amministrazione e corruzione, che minano le prospettive di sviluppo.

Allo stesso tempo, dobbiamo fare ogni sforzo per assicurare che i diritti inalienabili dei cittadini africani siano sempre più riconosciuti e rispettati. L'Italia è in prima linea in questi settori, in particolare i diritti delle donne e dei bambini. Infine, gli aiuti allo sviluppo a carattere paternalistico devono essere eliminati una volta per tutte.

Dobbiamo cambiare il nostro approccio e gli aiuti devono concentrarsi sulla crescita strutturale e lo sviluppo delle società africane. Dobbiamo investire di più, e più saggiamente, in Africa, il "capitale umano". Costruire altre scuole e e università, e offrendo agli studenti africani più opportunità di studio all'estero.

Fonte: Daily Nation - Inviato da Franco Frattini, Ministro degli Esteri in visita in Kenya.
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 71
Località : Como-Malindi-Africa

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum