Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Siti amici
Migliori postatori
fio (3168)
 
Federica (1935)
 
dolcemagic (1817)
 
Amministratore (1043)
 
SaraJua (491)
 
mammussi (434)
 
Denise (400)
 
Iaiaa (306)
 
frab (239)
 
Many (233)
 

Chi è online?
In totale ci sono 6 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 6 Ospiti

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 62 il Mar Ago 01, 2017 4:45 pm
Ultimi argomenti

In attesa del secondo Sinodo per l'Africa

Andare in basso

In attesa del secondo Sinodo per l'Africa

Messaggio Da fio il Gio Set 24, 2009 12:08 pm

In attesa del secondo Sinodo per l'Africa

L'Africa è il futuro della Chiesa a livello mondiale? I numeri sono a suo favore. Nel 1900 i cattolici Sub-sahariana sono stati meno di due milioni , ma nel 2000 essi sono aumentati fino a 130 milioni : una crescita incredibile che non è mai accaduto prima nella storia della Chiesa. L'atmosfera di entusiasmo e gioia di essere cristiani che la partecipazione ad una messa in un villaggio africano un'esperienza assolutamente nuova per i cristiani europei.
Qualcuno sognava di 2009 come anno d'Africa per la Chiesa. La visita compiuta da Pope Benedict XVI in Camerun e Angola, nel marzo scorso, l'assemblea plenaria prevista del Secam - l'ente che coordina tutte le le conferenze episcopali dell'Africa - Che avrebbe dovuto aver luogo a Roma alla fine di settembre, e ora il secondo Sinodo per l'Africa, a Roma, dal 4-25 ottobre e che è incentrato sul tema "La Chiesa in Africa a servizio della riconciliazione, per la giustizia e per la pace", sono state tutte le giustificazioni per un certo ottimismo. Le riflessioni stimolanti della Caritas in veritate su temi rilevanti per i paesi in via di sviluppo, per l'Africa in particolare, hanno creato le speranze anche di più. Vescovi africani potrebbe forse fare qualche passo in più la ricchezza della dottrina sociale del Papa, l'applicazione al contesto concreto africano, o "inculturazione", per usare una parola che è stata tanto usata dal primo Sinodo africano.
Nuove aspettative proveniva da l'arrivo a la Casa Bianca di un afro-americano il presidente, il cui padre veniva dal Kenya e sua nonna vive in un villaggio del Kenya. Obama'S visita in Ghana nel mese di luglio, quello di l'Unione Sportiva Segretario di Stato Hillary Clinton in altri sette paesi africani solo poche settimane dopo la partenza del presidente e la presenza importante in Africa al G8 di L'Aquila fatto crescere le speranze per un aumento delle misure di politica e finanziaria adeguata per superare il pesante fardello storico e culturale che pesa per l'Africa.
Tuttavia, l'elenco delle attese e le speranze fine improvvisamente qui. Numeri, parole, incontri internazionali, proposte coraggiose abbonda, ma le azioni sono mancanti. Purtroppo, quando si parla di Africa - sia in un ecclesiastico e in un contesto politico - le speranze e gli impegni più solenni di rado si traducono in qualcosa di reale, tangibile. L'Africa sembra essere parte di una dimensione diversa, in cui le parole restano, sempre e per sempre, solo parole.
È per questo che l'up-prossimo Sinodo è considerato più sano scetticismo da diversi intellettuali africani e dirigenti. Le speranze sollevate con l'annuncio e la preparazione del primo sinodo africano, seguito da un rigoroso controllo curiale, l'esclusione dei migliori teologi africani del tempo dal processo sinodale, un documento con attenzione edited finale e poca o nessuna azione, non ha stato dimenticato.
I dubbi sul risultato per l'attuale processo sinodale, che, va detto, non è stata seguita sul suolo africano, con particolare interesse, che sono ben espresse da Monsignor Peter Sarpong, arcivescovo emerito di Kumasi in Ghana, Uno dei superstiti di un gruppo di eminenti teologi e pastori africani che a seguito degli anni di piombo indipendenza delle diocesi più importanti dell'Africa.
Dice, «credo che il documento preparatorio del Sinodo è troppo generoso nella valutazione dei risultati ottenuti dal primo sinodo nel 1994. Considerando l'ottimismo che filtra il testo di una persona potrebbe anche chiedersi: Che dire i conflitti che avvengono in molte aree del nostro continente?»E aggiunge,« non sto dicendo che ho dei dubbi circa la sublimità delle idee espresse. Sto solo chiedendo circa le possibili soluzioni per questi problemi. Come possiamo diventare sale della terra? Cosa bisogna fare per avere una famiglia della Chiesa di Dio e trasformarlo in un agente catalizzatore di giustizia e di pace? »
Così, «il rischio è che il secondo Sinodo africano potrebbe essere esattamente come il precedente: l'occasione per ripetere grande verità sulla Chiesa, ma senza suggerire applicazioni pratiche.»
La Chiesa africana manca ancora la capacità di influenzare la società a promuovere uno sviluppo umano integrale. Le cause sono molteplici, e vanno dalla dipendenza quasi totale dal West in termini di finanziamento, l'organizzazione e la ricerca teologica alla rapida crescita numerica dei fedeli che si estende alle organizzazioni già debole..
Di Renato Kizito Sesana, missionario comboniano
FONTE: NEWS FROM AFRICA
avatar
fio
Sostenitore
Sostenitore

Numero di messaggi : 3168
Data d'iscrizione : 21.04.09
Età : 71
Località : Como-Malindi-Africa

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum